Orzotto alla crema di asparagi {con fiori di zucca}

25.4.14


Quando la primavera ci riserva dei giorni grigi e freddini non c'é nulla di meglio che un orzotto primaverile. Si si ho detto proprio orzotto! Peró primaverile. Asparagi e fiori di zucca in veste inconsueta. Il risultato é da provare, non solo nelle giornate grigie, visto gli ingredienti allegri é un ottima alternativa al risotto, tanto per cambiare no?
... e buon appetito!



Ingredienti per 4 persone:

200 gr. di orzo perlato
400 gr. di asparagi
1/2 porro
100 gr. di fiori di zucca per l'orzotto + alcuni fiori per la decorazione
1/2 bicchiere di vino bianco secco
3/4 lt. circa di brodo vegetale bollente
1 cucchiaio di foglie di maggiornata (più qualche rametto per la guarnizione)
1/2 cucchiaio di foglie di timo (più qualche rametto per la guarnizione)
scorza di 1/2 limone grattugiata (facoltativa)
olio extravergine di oliva quanto basta
burro quanto basta
sale e pepe
60 gr. corda di Parmigiano Reggiano grattugiato 

Esecuzione:

Sciacqua l'orzo sotto l'acqua corrente.
Lava, pulisci e taglia il porro a fettine. Fai imbiondire il porro con un po' d'olio extravergine di oliva e una noce di burro. Aggiungi l'orzo e fai tostare per alcuni minuti. Bagna con il vino bianco e fai evaporare. Comincia ad aggiungere il brodo un po' alla volta e ricorda di mescolare di tanto in tanto. (la cottura durerà dai 35 ai 40 minuti dipende dal tuo orzo)

Intanto pulisci gli asparagi, tagliali a tocchetti e falli cuocere in acqua bollente salata per circa 10 minuti. Scolali, tieni da parte qualche cimetta per la decorazione e passa al mixer il resto fino ad ottenere una crema.

Lava i fiori di zucca, e tagliali a striscioline.

Quando mancano 10 minuti al termine della cottura dell'orzotto unisci la crema di asparagi e poco prima di fine cottura aggiungi anche i fiori di zucca tagliati in precedenza e la buccia grattugiata di limone (la scorza di limone é facoltativa).

Assaggia per verificare se é cotto (se necessario allunga la cottura). Quando é pronto togli dal fuoco e aggiungi 1-2 noci di burro Parmigiano Reggiano grattugiato e le foglioline di maggiorana e timo. Amalgama bene e lascia riposare l'orzato per 5 minuti.

Impiatta e guarnisci a piacere con fiori di zucca, cimette di asparagi e dei rametti di maggiorana e timo e se hai a portata di mano, perché no, anche dei fiori di rosmarino.


8 commenti:

  1. Laura if you ran a Bistro in Britain I would be your first customer.
    I was looking at your Easter cake. Could I use Filo Pastry instead of the pasta without eggs?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hi Adrian :-) It would be nice a small bistro... :-)
      About the pastry, I think yes, just make sure to pay attention at the cooking time the fill pastry need short time or? this tart, I mean the filling, need about 30 minutes
      have a great week Adrian!

      Elimina
  2. Cara Laura,
    non hai idea di quante volte ti ho pensato in questi ultimi dieci giorni , ma non c'è stato modo di chiamarti.
    Sai , i soliti molteplici impegni.... Spero tutto bene la Pasqua ! Pensa, ho anche carezzato l'idea di venirti a trovare proprio il giorno di Pasqua ! Ci parlaiamo presto ! Baci. Pino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao Pino che piacere! Si la Pasqua é andata bene eravamo dai miei ad Asiago :-)
      Dai si! Ci sentiamo presto :-) un bacione grande Pi'!

      Elimina
  3. Sei sempre così brava a giocare con ingredienti e colori... :-)

    RispondiElimina
  4. Laura pensavo giusto qualche giorno fa all'orzo e al fatto che nonostante mi piaccia molto non lo cucino quasi mai. Ecco ora tu mi hai dato una ragione per non temporeggiare più. Spero di trovare dei fili di zucca anche dalle mie parti, altrimenti mi tocca aspettare un mesetto per essere in Italia e trovarne di buonissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Margherita :-) l'orzo nelle zuppe o usato come il riso negli orzotti mi piace molto, dai prova anche tu! Lo puoi fare con qualsiasi verdura!
      Un abrraccio!

      Elimina