Terrine individuali ai fichi { e chèvre }

15.9.14


Provate a staccare un fico maturo dall'albero, vedete quelle piccole screpolature ... come fossero rughe? Ora portate il fico al naso, chiudete gli occhi e inspirate, sentite il profumo che esce da da quelle rughe? Ecco avete appena odorato il sapore del sole. Il sole di cui il fico si nutre durante i lunghi e silenziosi mesi estivi.
Dentro al fico non c'é solo una polpa dolcissima, c'é molto di più. Basta osservarlo bene, ci troverete tutta la storia millenaria del mediterraneo. 
... ei vi sempbra poco questo?

Due parole sulla ricetta,
 queste terrine individuali sono ottime come antipasto ma potete servirle anche come formaggio o dolce per finire in bellezza una cena particolare.
L'esecuzione é semplicissima e veloce, necessitano però di stare in frigo una notte.


Ingredienti per 4-5 stampini individuali
(vanno bene gli stampini in silicone per muffin e cupcake)

7 fichi viola (6 per le terrine + 1 per la decorazione)
218-200 gr. circa di chèvre fresco 0 formaggio di capra spalmabile fresco (se preferisci usa formaggio spalmabile vaccino)
2 cucchiai di miele

Esecuzione:

Taglia 6 fichi e pezzettini ed amalgamali con il miele. Metti in un pentolino e fai sbollire a fuoco medio-basso per 15 minuti ottenendo una composta. Spegni il fuoco, metti i fichi su un colino, raccogli il succo in una scodella e mettilo da parte.
Taglia a fette orizzontali il fico che hai tenuto da parte e disponi una fetta sul fondo di ogni stampino. Sopra la fetta di fico disponi un cucchiaino abbondante di composta e  uno strato di formaggio riempiendo gli stampini fino ai 3/4 dal bordo e finisci con uno stato di composta fino a riempire completamente gli stampini. Appoggia sopra ad ogni stampino una formina vuota o un bicchiere ed esercita una leggera pressione per compattare la terrina. Metti in frigo per una notte intera.
L'indomani, facendo attenzione, fai uscire la terrina dagli stampi esercitando una breve pressione sul fondo. Servi in piatti individuali bagnando ogni terrina con il succo al miele che avevi tenuto da parte.

Questa ricetta é tratta da Maison Cotè Sud (Nr. 131 del 2011)

4 commenti:

  1. Ti dirò, non amo i fichi, ma con la tua descrizione mi è venuta l'acquolina in bocca. Se non fossi in ufficio, probabilmente avrei davvero chiuso gli occhi per immaginarne il profumo!
    Chapeau!!

    Luisa M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa, questo per me é un bellissimo complimento perché significa che arrivo a voi non solo con i sapori ma anche con i miei pensieri! Grazie di cuore,
      un bacio

      Elimina
  2. Today I went to the farm shop to get a marrow. They were still in the field. The lady didn't say which field so i will have to wait. I don't think i will find figs very easily. Only dried ones and they are no good for this.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hi dear! No dry figs are really not good for this. I can good imagine that at your latitude it is still early for figs, here the figs saison it is almost over
      a big big hug!

      Elimina