Mini fondant alle castagne { e cioccolato }

10.10.14

Ogniuno ha le proprie manie e superstizioni. Che poi le mie non sono vere e proprie manie (credici) ma sono piccoli riti legati a momenti piacevoli e fortunati.
La cosa delle castagne me la porto dietro davvero da molti anni. Precisamente da quando a Rapallo in un lontano autunno (ma non poi così lontano eh? Matusa ancora no!), camminando con mia zia a braccetto nei giardini vicino al mare, lei d'un tratto si fermó lasciando il mio braccio per chinarsi di scatto a raccogliere qualcosa. Li per li questo mi irritò, perché camminare sottobraccio con le persone a me care é una cosa che adoro, mi da sicurezza e forza, per me puro amore. Ma quando incominciai ad osservarla per capire cosa avesse in mente, il mio momentaneo disappunto si trasformó in ammirazione e orgoglio. La sua figura snella ed elegante, avvitata nel tubino di sartoria, inchinandosi, formó un angolo retto mettendo in evidenza le gambe perfette, fasciate dal caldo tessuto in panno pettinato grigio chiaro. Dal manicotto in pelliccia usci una mano, stretta in un guanto di morbida e lucida pelle marrone, che terminava sotto al polso. La mano, o meglio il guanto di pelle con dentro la mano sinuosa, raccolse una castagna a terra, e in quel momento io pensai a quanto era bella! Lei, con il suo taglio di capelli corto alla garçon, che le metteva in risalto il nasino all'insú, gli zigomi alti e l'ovale perfetto. Rimasi a fissarla... Si! Lei era proprio la mia eroina. Nel gesto di quell'attimo aveva un sorriso così dolce e felice e sembrava avesse trovato un tesoro. Un gesto che rimarrà immortale, come quello della signora che getta in aria la palla ne l'Immortalità  di Milan Kundera. Mi disse:  - Laura prendi! Se tieni una castagna in tasca non ti buschi il raffreddore! Guarda io ne tengo sempre una in borsa.  E abbassó la testa intenta ad aprire la borsetta.
Ecco io da allora ogni anno, in autunno, raccolgo tre castagne, perché non una? Semplice perché il tre é il numero perfetto! Questo causa immancabilmente accumuli di castagne in qualche angolo della casa ogni tre/quattro anni, che ritualmente getto quando raggiungono un numero troppo consistente, per poi ricominciare, finché vivrò.

Questi dolcetti non necessitano di molte parole, sono di una raffinatezza sorprendente, senza nulla togliere ai nobili marron glacé, vi assicuro che ne eguagliano eleganza e bontà, provare per credere!


Ingredienti
 per circa 8/9 muffins di dimensioni normali (oppure per 16 stampini cannellés - 5 ø x 5 H -  come quelli che ho usato io)

per i fondant
80 gr. di farnina di castagne
30 gr. di farina bianca 00
100 gr. di zucchero a velo
100 gr. di burro fuso
1 pizzichino di sale
2 uova
100 gr. di latte
30-40 grammi di cioccolato fondente grattugiato a scagliette con una grattugia a fori larghi

per l'eventuale copertura al cioccolato:
circa 60/70 gr. di cioccolato fondente 
circa 15 gr. di burro
un po' di panna liquida

Esecuzione:

per i fondant:
riscalda il forno a 180°.
Fai fondere il burro in un pentolino.
Separa gli albumi dai tuorli.
Monta gli albumi con un po' di sale a neve ben ferma e metti in frigo.
Setaccia la farina di castagne, la farina 00, lo zucchero a velo e un po' di sale ed aggiungi i tuorli, il burro fuso ed il latte. Amalgama tutto con le fruste elettriche a velocità media fino ad ottenere un composto piuttosto liquido e liscio. 
In un piatto fondo aggiungi un pizzico di farina bianca alle scaglie di cioccolato e rimesta con i polpastrelli, questo farà in modo che le scagliette rimangano distribuite bene ed uniformemente nei fondant. Unisci le scaglie di cioccolato al composto ed mescola con un cucchiaio per distribuirle in tutto il composto.
Prendi gli albumi montati a neve dal frigo e amalgamali al composto con una spatola o cucchiaio di legno con movimenti dolci dall'alto verso il basso. 
Riempi i pirottini o gli stampini fino ad un centimetro dal bordo e cuoci in forno caldo a 180°.
Se usi i pirottini da muffins cuoci per circa 20 minuti, importante é che non secchino troppo, fai la prova stecchino. 
Se usi le formine più piccole come quelle che ho usato io cuoci per circa 15 minuti e fai sempre la prova stecchino.
Sforna e lascia raffreddare.

Per l'eventuale copertura al cioccolato:
fai sciogliere in un pentolino il cioccolato con il burro ed un po di panna, regolati comunque ad occhio, la copertura deve risultare liscia e densa, non troppo liquida. Con un cucchiaio fai scivolare la copertura sui fondant oppure rotolali direttamente nel pentolino, suotili per fare cadere il cioccolato in eccesso e lasciali rassodare su una gratella.


Ti consiglio di servirne alcuni nature, spolverati con un po' di zucchero a velo, e alcuni con la copertura per variare i gusti, sono ottimi tutte e due le versioni.





18 commenti:

  1. These look very enticing and a good story to go with them.
    I hope you had a relaxing holiday in France.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hi Adrain!
      Thank you very much! Yes I have had really good time in France, Painting too, the light there it's always great almost unbelieveable!
      Thanks a lot dear friend!

      Elimina
  2. OMG... potrei morire adesso... spettacolo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)))) sono squisiti davvero!
      Un bacione

      Elimina
  3. Laura!
    sei una tentatrice!!!
    ma che bontà...
    Baci, Clo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia! Delle piccole tentazioni che ci si possono concedere :-) tutto sta nella quantità anche se sono così buoni...
      Ti abbraccio cara!

      Elimina
  4. Li adoro!! E brava la zia...i dolcetti sono raffinati quanto lei :)
    Bacioni!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) Ciao Anna Rita!
      Sai che mi immaginavo che il look della mia amata zia ti sarebbe piaciuto? :-)
      ti stringo!

      Elimina
  5. Se volessi fare una torta con questo impatto le dosi vanno bene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca!
      Io non ho provato, ma dovrebbe essere sufficiente per uno stampo circa 20-22 tu prova una volta fatto poi ti puoi regolare con la misura della tortiera! Vanno comunque bene anche i pirottini per muffins quelli di carta basta che li metti doppi! Nei miei DIY trovi anche aome realizzare dei pirottini molto chic con la carta da forno!

      Elimina
  6. Che tentazione... solo a guardarli....posso sostituire il burro con olio si semi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Si in puoi devi fare però la conversione -)

      Elimina
  7. Buongiorno
    ma se volessi fare l'impasto in versione torta? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ari!
      In teoria puoi farlo solo dovrai modificare I tempi di cottura! Tieni presente che non deve essere troppo secca, deve essere appunto fondant, e quello lo ottieni anche con il tempo di cottura, allunga la cottura se fai una torta, ma tieni d'occhio!
      Un abbraccio!

      Elimina