Dolce alle mele della Valdichiana {e cannella}

18.11.14

Andrea! Piglia il cencio e dagli 'na cenciata!
Disse il mobiliere al figlio, quando i miei guardarono il grande tavolo di noce impolverato per poi guardarsi negli occhi con un sorriso d'approvazione, mentre io e mia sorella soffiavamo qua e la sui mobili, impolverati anche loro, azzardandoci adirittura a scriverci qualcosa sopra con l'indice. La luce che entrava dall'enorme parete a finestra quadrettata (che mi ricordava tanto quella di un atelier di pittore) della falegnameria del Sig. S. la rivedo come fosse ora, come sento ancora l'acre, ma piacevole, profumo del legname e dei mobili. Questa sensazione di calore umano mi é rimasta dentro a tal punto che, tutt'ora, quando vedo una luce filtrata a quel modo mi si riempie il cuore. E così, come la luce della finestra del laboratorio del Sig. S. mi commuove il verde del paesaggio Toscano. Luoghi che ti fanno venire voglia di gridare al mondo: io sono vivo! Amo la vita! Colori, sapori, storia, gente, calore, buon vino e buon cibo, luoghi dove spesso sembra che il tempo si sia fermato, dove la vita brulica di artigiani e di piccole aziende che producono i loro prodotti con una sorta di venerazione tipica delle cose fatte, in primis, con amore. Prodotti che ci tengo a valorizzare essendo un patrimonio, non solo gastronomico, ma anche culturale della nostra Italia.
... e a buon intenditore poche parole. 
 In questo mio piccolo contributo sono affiancata da Tuscanative, guarda qui, che trovate anche su fb qui  e su Instagram qui, una nuova realtà nata per valorizzare il territorio aretino e suoi prodotti tipici.
Incomincia oggi il nostro piccolo viaggio in Toscana con la mela rugginosa della Valdichiana,  rustica e dolce, e la farina di castagne. Roba da buongustai!

Due parole di ringraziamento e stima vanno a: Caccia al Territorio Blog Tour Arezzo che trovate su fb qui e su Instagram qui, arrivato alla seconda edizione (appena conclusa) e che, nonostante io non abbia potuto essere presente, mi ha dato l'occasione di ripercorrere attraverso alcune ricette questi luoghi a me cari. 



Ingredienti per 4 persone:

per la l'impasto 
300 gr. di farina bianca 00
200 gr. di farina di castagne castagne (per me la farina di castagne delle valli aretine)
50 gr. di zucchero 
1/2 cucchiaino di sale
1 bustina di lievito di birra in polvere 
1/2 bustina di vanillina in polvere
60 gr. di burro 
80 ml di latte
60 ml d'acqua
2 uova

per il ripieno
30 gr. di burro
80 gr. di zucchero (per me di canna)
1 cucchiaio di cannella 
1 bustina di vanillina in polvere
3 mele dolci  (per me le mele di Valdichiana)

per la guarnizione (facoltativa)
granella di noccioline 
scaglie di mandorle

Esecuzione

Per l'impasto:
fai fondere il burro. Frulla le uova, il latte, l'acqua, il burro fuso e la mezza bustina di vanillina in polvere.
Setaccia le due farine con il sale, il lievito e lo zucchero. Aggiungi poco alla il composto liquido, impastando energicamente fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico.
Forma una palla, ungila leggermente con un goccino d'olio, copri con un telo e lascia lievitare in un posto caldo per almeno un ora (l'impasto deve raddoppiare il volume).

Una volta lievitato l'impasto stendilo in un rettangolo di circa 15x20 cm. dello spessore di 2,5 cm.

Prepara il ripieno:
fai fondere il burro in un pentolino assieme alla vanillina in polvere.

Mischia in una ciotolina lo zucchero di canna con la cannella.













Con un pennello da cucina stendi tutto il burro fuso sul rettangolo di pasta in maniera uniforme.




















Distribuisci sopra il sottile strato di burro fuso, lo zucchero di canna mischiato con la cannella e forma un bello strato livellandolo con il dorso di un cucchiaio o con una spatola esercitando una leggera pressione.

















Taglia il rettangolo (in senso verticale) in 3 strisce di 5 cm. di larghezza ciascuna. 
Ora taglia le tre strisce (in senso orizzontale) in 4 strisce, ottenendo 12 rettangoli di circa 6,5x5 cm.

Lava le mele senza sbucciarle, tagliale a metá, in verticale, elimina il torsolo e tagliale a fette.

Distribuisci 2 fette di mela su ogni rettangolo di pasta (avanzerai delle fettine che userai ala fine).









Ora sovrapponi i rettangoli a due a due, come un sandwich, ottenendo 6 doppi rettangolini (con fettina di mele all'interno e sul lato superiore).

Rivesti lo stampo da plumcake con la carta da forno e disponi i sandwiches in verticale uno accanto all'altro, se qualche fettina di mela scivola verso il basso non ti preoccupare. Una volta riempito lo stampo esercita una pressione ai lati dei rettangoli verso il centro in modo da compattare un po il tutto. 

Disponi le fettine di mela rimaste tra un rettangolo e l'altro.







Copri con un panno inumidito e lascia lievitare ancora per 30 minuti circa.

Scalda il forno a 180°. Copri il cake con un pezzo di carta da forno e cuoci a 180° per 50 minuti circa.
dopo 30 minuti di cottura togli il pezzo di carta da forno dulla superficie del cake e continua la cottura. Attenta a che non scurisca troppo, nel caso spostalo nel ripiano più basso.
Una volta cotto lascialo raffreddate completamente prima di toglierlo dallo stampo.
Per l'eventuale guarnizione tosta in una padellina la granella di noccioline e le scaglie di mandorle e distribuiscile sopra il cake.


Questo dolce é ottimo a colazione e a merenda. L'ispirazione arriva da qui, io ho sostituito alcuni ingredienti secondo le mie esigenze.






















6 commenti:

  1. It is a good job I don't live with you I would be fatter than I already am.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-))) Adrian you are not fat pleaseeee!!!!

      Elimina
  2. Ma Laura!!! è splendido il risultato...bello e appetitoso...
    con una spiegazione così dettagliata e il tocco della carta forno per tranquillizzare la mia ansia/forno non posso che cercare gli ingredienti e inserirlo nelle cose da fare sabato :-)
    con tutta sincerità il tuo blog è il blog di cucina che più mi appassiona ,amo i colori delle tue fotografie,i racconti che si celano dietro ingredienti,ricette,profumi e colori.
    Mi piace il tuo modo di interagire sui social, è bello potersi scambiare idee e consigli.
    Non volevo fare una sviolinata del genere, ci tenevo a dirti che sono felice di averti scoperta!
    Buona Giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-))) Ti ringrazio infinitamente! Questo per me é un bellissimo complimento smackkkk
      ti abbraccio!!!! Ahhhh se lo fai sarò curiosa di come viene anche tu sei bravissima!

      Elimina
  3. Ma quando riuscirò a fare anch`io una bellissima e buonissima Tua Ricetta !
    Leggo i memorabili tuoi resoconti ...
    fiabe per noi adulti col cuore bambino ..
    <3<3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) grazie Giuly... so che apprezzi e mi fa un enorme piacere
      ti abbraccio stretta

      Elimina