Dolce all'olio d'oliva e uva { sana bontà }

14.11.14


Succede sempre cosí! Voglio provare a fare una cosa ma se manca la giusta ispirazione so che é meglio rimandare per non fare danni! E così é stato per questa torta! Dopo aver fatto qui le tortine di carote e albicocche senza burro, mi é venuta voglia di provare un dolce con l'olio d'oliva. Rimanda e rimanda arriva la stagione dell'uva e in lontananza sento l'ispirazione che si avvicina. Infatti nelle mie discendenze toscane da parte di padre (papá mezzo genovese e mezzo versiliese), si insinua un ricordo remoto di una dolce con l'olio extravergine d'oliva e l'uva! Dico remoto perché ero talmente piccola che non ricordo se l'ho sentito veramente nominare o se sia frutto della mia fantasia. Fatto sta che olio + uva l'ispirazione stava arrivando, ma mancava ancora qualcosa! Ed ecco giungere in mio soccorso una rinomata ditta italiana che mi manda un regalo! Sto Parlando di Sagra ORO, uno degli ultimi nati in Casa Sagra.  Si tratta di un prodotto italiano al 100% che si caratterizza per la bassa acidità. Minore é il valore di acidità negli oli extravergine d'oliva e più elevata ne risulta la qualità e digeribilità. Ho pensato che la sua leggerezza ed il gusto fruttato potevano fare al caso mio per il dolce all'uva che volevo fare da tempo dettato appunto da lontani ricordi e via al lavoro! L'ispirazione é arrivata in un lampo. Ho voluto usare farina integrale e zucchero di canna per la rusticità, aggiungendo della farina di mandorle per il tocco raffinato. L'abbinamento di questi ingredienti si é dimostrato vincente in questo dolce che é decisamente: un dolce sano dalla consistenza morbida grazie all'uva. 
E suvvia (come direbbe la bisnonna Pené) facciamocelo un dolce all'olio!


Ingredienti per una tortiera a cerniera da 22-24 cm ø

500 gr. di uva nera senza semi (+ un gramolino per la guarnizione)
150 gr. di farina integrale
120 gr. di zucchero di canna
80 gr. di farina di mandorle
2 uova
la buccia grattugiata di 1/2 limone bio
1 dl. di olio extravergine d'oliva (per me Olio Sagra ORO a bassa acidità
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzichino di sale
zucchero a velo per spolverare

Esecuzione:

Lava l'uva, separala dalla vinaccia chicco a chicco e lasciala asciugare su di un canovaccio.
Accendi il forno e portalo a 170°.
Separa i tuorli dagli albumi. Monta gli albumi a neve ferma e metti in frigo.
Sbatti con le fruste elettriche i tuorli, lo zucchero e l'olio.
Setaccia le farine con il lievito ed il sale, e uniscile poco alla volta al composto precedente sempre amalgamando con le fruste elettriche o con un cucchiaio di legno. Aggiungi la scorza di limone grattugiata ed amalgama bene.
Unisci delicatamente gli albumi montati a neve all'impasto con un cucchiaio di legno, girando dal basso verso l'alto.
Imburra lo stampo, riempilo con l'impasto e disponi sopra l'uva.
Sbatti un po' lo stampo e dai dei colpetti in modo che l'impasto si compatti con i chicchi d'uva (guarda la foto sotto). In cottura l'impasto lieviterà e si livellerà. 
Cuoci in forno a 170° per 50 minuti circa. Fai la prova stecchino. Se negli ultimi 10 minuti di cottura il dolce tende a scurire abbassalo sul ripiano più basso del forno.

Sforna e lascia raffreddare. Spolvera con lo zucchero a velo e guarnisci ancora con dei chicchi d'uva.


6 commenti:

  1. This sounds interesting. Not too sweet so I have saved it.

    RispondiElimina
  2. Molto interessante, come ha detto il sig. Adrian!
    Il massimo che io ho fatto fino ad ora è stato sostituire il latte con l'acqua, l'olio di oliva mi manca ancora! Ci penserò.

    Adoro i tuoi abbinamenti, "ch' aggia fa?" come si dice dalle mie parti.

    Baci baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luisa!
      I dolci all'olio d'oliva stupiscono bisogna attenersi alle dosi non esagerare ma credimi se ne fai uno lo rifai! Un bacio cara!

      Elimina
  3. Ma gurda il destino !
    Proprio ieri dicevo a mio marito , della torta con l 'olio che ci veniva offerta da una signora quando andavavamo a trovarla , la mia mamma ed io ( la signora era nata a Badalucco ( Imperia ) e si vede che era un'usanza del posto ...avendo l'olio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuly ciao che bello vederti! Che grande piacere!
      Guarda i dolci all'olio d'oliva sono troppo messi in sordina quando invece sono davvero ottimi, mia mamma faceva sempre un dolce per la colazione molto semplice all'olio d'oliva...
      ti abbraccio forte!

      Elimina