Tartellettes al mandarino {tartelettes au clémentine curd}

20.2.15

È di nuovo tempo di addii-arrivederci. D'altronde siamo a fine inverno e l'addio risulta più semplice di quello bellissimo e appassionato alle albicocche, guarda qui.
Il colore é sempre lo stesso ma il frutto é diverso. Ora tocca ai mandarini. Sará che io sono una sognatrice, ma quando al super vedo le casse di mandarini con le loro foglie verdi attaccate non posso non andare con la mente ad un albero mosso dal vento, dai fiori di un profumo mozzafiato e al blu del mare, che in inverno nella stagione dei mandarini é ancora più blu! Ma questa é un altra storia. Tra poco non troverò più le foglie verdi attaccate all'arancione caldo ad accogliermi all'entrata del super, fino al prossimo anno. 
Della bontà e della raffinatezza del mandarino ne abbiamo parlato anche in occasione del dolce al mandarino fatto qui in tante lo avete fatto e vi assicuro che queste tartellette non sono certo da meno. La pasta frolla é al cacao e delicatissima perché viene usato lo zucchero a velo e il curd al mandarino, passato velocemente sotto al grill, in mancanza della fiamma come la sottoscritta, ricorda tanto una Crème brûlée.


Ingredienti per 6 tartellettes:

per la frolla al cacao
200 gr. di farina
110 gr. di burro
90 gr. di zucchero a velo
1 uovo
1 cucchiaino di cacao in polvere
1 presa di sale
1 presa di zenzero (facoltativo)

per il curd al mandarino:
120 gr. di zucchero semolato
30 gr. di maizena
110 gr. di burro 
5 uova (2 intere + 3 tuorli) 
150 ml di succo di mandarino spremuto fresco e filtrato attraverso un colino
1 cucchiaino di scorza di mandarino (bio)
1 cucchiaio di Grand Marnier (facoltativo)

Esecuzione:

inizia preparando la frolla al cacao e le formine di frolla vuota che andrai a riempire successivamente con il curd al mandarino.
Setaccia tutti gli ingredienti secchi, unisci il burro freddo a tocchetti e impasta con i polpastrelli. Quando avrai ottenuto un impasto sabbioso unisci l'uovo e impasta fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Se risulta appiccicoso e troppo molle aggiungi un po' di farina. Foma una palla, avvolgila nella pellicola trasparente e metti in frigo per 30 minuti.

Nel frattempo accendi il forno e portalo a 180°.

Preleva la frolla dal frigo e inizia a stenderla col matterello, e rivesti con la pasta le formine imburrate. Buca la superfice più volte con una forchetta. Copri ogni formina con dei foglietti di carta da forno e riempi di facioli secchi (se non hai in casa i fagioli secchi segui il trucchetto che ho fatto qui). Inforna e cuoci alla cieca per 25 minuti a 180°.

Mentre le tartellette cuociono prepara il curd di mandarino.
Fai sciogliere dolcemente il burro in un pentolino e metti da parte.
Lavora, con le fruste elettriche, lo zucchero con i tuorli e le uova fino ad ottenere una crema chiara e molto soffice (circa 10 minuti). Unisci la maizena e il burro sciolto e amalgama bene. Aggiungi infine il succo e la scorza di mandarino e amalgama ancora. 
Trasferisci il composto in una pentola antiaderente e porta, a fuoco dolce, a leggero bollore mescolando sempre con un cucchiaio di legno o, se ti senti più sicura con una frusta. Il curd prenderà velocemente consistenza quindi, appena vedi che comincia ad addensarsi, togli dal fuoco e aggiungi, mescolando, eventualmente il Grand Marnier. Se la crema ha formato dei grumi niente paura, il rimedio semplicissimo é di quello di amalgamare di nuovo tutto (non sul fuoco) brevemente con le fruste elettriche. Copri e metti da parte a raffreddarsi. 

Non dimenticarti, nel frattempo, di sfornare le tartellette e lasciarle raffreddare completamente. 
Un volta fredde, aiutandoti con un coltellino togliere dallo stampo, fai attenzione perché sono molto friabili.
Riempile con la crema fino al bordo e metti in frigo per almeno 45 minuti, la crema deve risultare soda al tatto. 

Infine spolverale con dello zucchero di canna e, se possiedi la fiamma caramellizza lo zucchero altrimenti passale 1 o 2 minuti sotto al grill, attenta a non bruciare la frolla.

Questa meravigliosa ricetta arriva da qua.










4 commenti:

  1. queste tartellette sono veramente speciali... vorrei tanto provare il crd al mandarino ma qui questi frutti bio non si trovano, sempre e solo trattati... che peccato.... :( Un bacione e grazie per la ricettina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, lo puoi fare anche solo col succo viene buono ugualmente, ti assicuro -)

      Elimina
  2. Ciao! Vorrei porti due domande: queste dosi vanno bene se volessi fare una crostata piuttosto che le tartellette? E poi, ho molti mandarini a disposizione posso usare la ricetta del curd per un dolce al cucchiaio? Così vario un pò!!! Grazie e complimenti per tutto!! Giorgia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giorgia! La risposta alla prima domanda è si! Quella alla seconda è nì, nel senso che non va mangiato come budino per intenderci, ma se lo abbini a savoiardi o biscotti e magari meringa e panna, certamente puoi fare degli ottimi dolci al cucchiaio. Potresti anche metterlo in dei piccoli vasetti e fare uno strato con della pannacotta e del passion fruit!
      Se provi fammi sapere -)

      Elimina