Clafoutis {classico o profumato alla lavanda}

29.5.15

Il clafoutis, lo amo, punto. Il dolce più facile del mondo é per me un ricordo di libertà. ...una Renault Safrane a noleggio, tanta voglia di ripercorrere il tragitto della famosa gara Parigi-Bordeaux, cambiare rotta, senza averlo programmato, circa a metá strada, deviando verso Limoges con sosta prolungata con tanto di buon cibo e buon vino. Quella fu la mia prima volta con il clafoutis.
Si dice che a Limoges il clafoutis abbia tante varianti quanti sono i suoi abitanti :-)
Una tradizione che a casa timoebasilico é diventato il rito che segnala che l'estate é ufficialmente iniziata! Ho trovato un clafoutis che per me é: il Monseur Clafouits, visto che l'autrice é Mimi Thorrison, qui. Il burro salato e l'uso di solo latte mi ha conquistato. Il clafoutis di Mimi semplice semplice, bello gonfio ai lati ha tutta l'anima dell'arte povera e raffinata, il rustico elegante che io amo. Il burro salato riesce a togliere quel gusto di uovo che a molti non picace (non dimentichiamo che il clafoutis é l'evoluzione di una frittata-creps dolce).

Il clafoutis andrebbe fatto esclusivamente con le ciliegie, preferibilmente quelle nere. Per gli abitanti della Limousin, zona di provenienza del clafoutis, con capoluogo Limoges, togliere il nocciolo é quasi un oltraggio in quanto, in cottura, dona un gusto particolare alle ciliegie e al dolce, io verro quindi scomunicata perché preferisco toglierlo.


Ingredienti per uno stampo a cerniera da 22-24 cm o per 4-5 stampini da créme brhûle o padellini (con manico adatto ad andare in forno)

400 gr. di ciliegie intere
4 uova
50 gr. di burro salato (o burro normale + 1 presa di sale) + burro per ungere lo stampo
200 ml. di latte
100 gr. di farina
60 gr. di zucchero
1 bustina di zucchero vanigliato
1 cucchiaino di scorza d'arancia bio grattugiata

per aromatizzare (facoltativo)
2 fiori di lavanda fresca, tagliuzzati - mi raccomando non più di due bisogna solo profumare

per la guarnizione
qualche ciliegia intera (facoltativo)
zucchero a velo
scaglie di mandorle leggermente tostate in un padellino senza aggiunta di grassi (facoltativo)
fiori freschi di lavanda (facoltativo)


Esecuzione:
lava, asciuga e snocciola le ciliegie, cerca di tenerle il più possibile intere, senza dividere le due metá, poi capirai il perché.
Accendi il forno e portalo a 200°.
Imburra bene lo stampo, infarinalo leggermente e disponi le ciliegie a casaccio.
In una ciotola unisci e mescola tra loro: farina, zucchero e zucchero vanigliato (anche il sale se usi il burro normale). Unisci le uova, incorporandole all'impasto, uno alla volta. Unisci il latte.
Fai fondere dolcemente il burro in un pentolino e uniscilo all'impasto assieme alla scorza grattugiata di arancia. Se decidi di aromatizzarlo alla lavanda aggiungi i fiori tagliuzzati. Sbatti bene fino ad ottenere una pastella che verserai delicatamente nello stampo. Per riuscire bene la pastella non deve coprire le ciliegie ma restare a livello o di livello leggermente più basso rispetto alle ciliegie (per questo prima ti dicevo di non dividere a metá le ciliegie ma di tenerle più intere possibile mentre togli il nocciolo).
Inforna a 200° per 15 minuti poi abbassa la temperatura a 180° e continua la cottura per altri 25/30 minuti. Il Clafoutis é pronto quando é bello gonfio (se usi 4-5 stampini individuali i tempi di cottura si abbraviano a 10 minuti a 200° e 15/20 minuti a 180°).
Al momento di sfornarlo si sgonfierá ma niente paura va bene così, non é un soufflé.

Spolvera con lo zucchero a velo e servi tiepido. Guarnisci volendo con delle ciliegie intere e qualche scaglia di mandorla tostata e dei fiori freschi di lavanda.







4 commenti:

  1. Mi pare buono proverò...si può fare anche con altra frutta? Grazie
    elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena,
      il vero Clafoutis andrebbe fatto con le ciliegie, ma naturalmente puoi usare anche altra frutta, tipo albicocche, fragole, prugne ecc.
      Un abbraccio

      Elimina
  2. ciao, sembra delizioso! mi chiedevo solo una cosa, ma per "una bustina di zucchero vanigliato" cosa intendi? tipo 80 gr di zucchero a velo vanigliato? grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, con bustina intendo lo zucchero vanigliato o vanillinato che si trova nelle bustine da 8-10 gr. Solo per aromatizzare, puoi usare anche il bacello di vaniglia se preferisci (in questo caso direi mezzo)
      Buon lavoro cara!

      Elimina